‘o munno d”e pparole

Si t’ ‘o ddico nun me cride
manco si pittass’ ‘o sole
pecché ‘o munno d”e pparole
mpara ll’arte d”o pparlà.
E tu saje ca st’arte è l’arte
ca se sceglie ‘o traditore
pecché l’ommo senza core
fa furtuna c’ ‘o pparlà.
Io, gnorsì, pire sò chillo
c’ha liggiuto e s’è applicato;
c’ ‘o mestiere s’ha ‘mparato,
e se serve d”o pparlà…
Se capisce ca parlanno,
nciucio, mbroglio… e faccio ‘ammore.
Ma però tengo nu core
e cu te, che vuò parlà!

Eduardo De Filippo

Il tempo che si allontana…

Il tempo che si allontana alle nostre spalle non ci rende il passato, l’ho fa suo e ci lascia i ricordi, allontanandosi porta con se i profumi, i colori di tutti i fiori del nostro giardino, il respiro di ciò

che abbiamo vissuto, amato, sofferto, gioito, gli umori del nostro mare, l’incanto della nostra vita. Davanti agli occhi abbiamo un tempo vuoto che aspetta d’essere riempito di ciò che siamo, di nuovi respiri, di nuove gioie e ricchezze, dei nostri ricordi divenuti in parte esperienze. Pensiamo spesso di essere figli della cultura, della conoscenza, delle tradizioni, della nostra stessa vita, in realtà siamo i genitori e dobbiamo educare, gestire, amare, donare al meglio queste nostre creazioni, questi valori che ci rendono umani, esseri che realizzano nel bene e nel male la propria storia con l’intelligenza donata da Dio. Cerchiamo di non amare ciò che brilla, ma amiamo ciò che illumina. Dio illumina, la natura illumina, l’universo illumina, la conoscenza illumina, anche l’uomo con profuse note del cuore può seminare musica d’incantesimi, illuminando il suo cammino

.

A mamma


chi tene a mamma e ricche e nun ho sape,


 

vulesse truvà pace;

 ……

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte1 llà!”
… … …
Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia..
‘a ricett’ in farmacia…
l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.
… … …
Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.
… … …
Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?
Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ ‘a tanta porte
s’arapesse pè campà!
S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!

Eduardo de filippo


la tammuriata

In una più ampia classificazione dei balli etnici italiani, la tammuriata va inclusa nella famiglia della tarantella meridionale, di cui costituisce uno specifico e originale sottogruppo basato sul ritmo rigidamente binario, sulla partecipazione al ballo esclusivamente in coppia (mista e non), su un’intensa dinamica delle braccia, sull’uso di castagnette (nacchere) che, oltre a fornire il ritmo di base, obbliga ad una particolare cinetica di mani, braccia e busto.







Napoli: a reggina d’ ‘e ssirene

“Sta Napule, reggina d’ ‘e ssirene, ca cchiù ‘a guardammo e cchiù ‘a vulimmo bbene. ‘A tengo sana sana dinto ‘e vvene, ‘a porto dinto ‘o core, .

napoli la reggina delle sirene
piu’ si parla e piu’ si ama


cantiamo insieme


le canzone accompagnano l’amore
e entra in te al cuore e nell’anima.
Mentre intorno a noi si cambiano i colori,
cantiamo insieme sta’ canzone

Ho semmpre pensato che tu nutrivi
di un sentimento d’amore.
ma paragonabile come le onde del mare
in un giorno di tempesta.


Repertorio musicale sviluppato a Napoli

La canzone classica napoletana è un repertorio musicale sviluppatosi a Napoli dagli inizi dell’Ottocento all’immediato secondo dopoguerra. Definita epoca d’oro della canzone napoletana, la stessa vede tra gli autori.

L’origine della canzone napoletana si colloca intorno al XIII secolo, quindi ai tempi della fondazione dell’Università partenopea istituita da Federico II di Svevia (1224), della diffusione della passione per la poesia e delle invocazioni corali dalle massaie rivolte al sole,[1] come espressione spontanea del popolo di Napoli manifestante soprattutto la contraddizione tra le bellezze naturali e le difficoltà oggettiva di vita; si sviluppò già nel XV secolo quando la lingua napoletana divenne la lingua ufficiale del regno e numerosi musicisti, ispirandosi ai cori popolari, iniziarono a comporre farse, frottole, ballate, e ancora maggiormente dalla fine del Cinquecento, quando la “villanella alla napoletana” conquistò l’Europa, sin alla fine del Settecento. Questa espressione artistica popolare era allora carica di contenuti positivi ed ottimistici e raccontava la vita, il lavoro ed i sentimenti popolari.
In particolar modo la “villanella alla napoletana” rappresentò un primo antefatto fondamentale per gli sviluppi della canzone napoletana ottocentesca, sia per la sua produzione originariamente popolaresca ben accolta dalla classe colta, sia per il suo carattere scherzoso e l’ampio spettro componenti , che variava dalla polifonia all’accompagnamento strumentale per una sola voce. La più famosa villanella è probabilmente Si li femmene purtassero la spada.

 



Pizza Margherita

 

 Pizza Margherita

La tradizione vuole che nel giugno 1889 per onorare la regina d’italia,MargheritaDi Savoia , il cuoco Raffaele Esposito della pizzeria Brandi creò la pizza Margherita , dove i condimenti,pomodoro, mozzarella e  basilico, rappresentavano la bandiera italiana. Secondo ultimi studi a carattere filologico, però, la storia della pizza Margherita preparata da “Brandi” per la prima volta sarebbe un “falso storico”. Sembrerebbe che la pizza margherita venisse servita a Napoli ben prima del 1889 e che il suo nome derivi proprio dall’omonimo fiore. Il filologo Emanuele Rocco, nel 1849, parlò di combinazioni di condimento con vari ingredienti tra i quali basilico, “pomidoro” e “sottili fette di mozzarella”. La mozzarella veniva tagliata a fette sottili e disposta sulla salsa di pomodoro proprio a forma di margherita, con la successiva aggiunta del basilico, il suo nome originale era pizza “fior di margherita” . Gli ingredienti di quella che oggi è chiamata pizza Margherita si trovavano in pizze preparate prima della Margherita stessa, dedicata appunto alla regina.francesco de Bourcard   nel 1866, parlando delle tradizioni di Napoli riporta la descrizione dei principali tipi di pizza, ossia quelli che oggi prendono nome di pizza marinara ,pizza margherita e  calzone …ecc