In arte e musica

‘o munno d”e pparole

Si t’ ‘o ddico nun me cride
manco si pittass’ ‘o sole
pecché ‘o munno d”e pparole
mpara ll’arte d”o pparlà.
E tu saje ca st’arte è l’arte
ca se sceglie ‘o traditore
pecché l’ommo senza core
fa furtuna c’ ‘o pparlà.
Io, gnorsì, pire sò chillo
c’ha liggiuto e s’è applicato;
c’ ‘o mestiere s’ha ‘mparato,
e se serve d”o pparlà…
Se capisce ca parlanno,
nciucio, mbroglio… e faccio ‘ammore.
Ma però tengo nu core
e cu te, che vuò parlà!

Eduardo De Filippo

In arte e musica

Il tempo che si allontana…

Il tempo che si allontana alle nostre spalle non ci rende il passato, l’ho fa suo e ci lascia i ricordi, allontanandosi porta con se i profumi, i colori di tutti i fiori del nostro giardino, il respiro di ciò

che abbiamo vissuto, amato, sofferto, gioito, gli umori del nostro mare, l’incanto della nostra vita. Davanti agli occhi abbiamo un tempo vuoto che aspetta d’essere riempito di ciò che siamo, di nuovi respiri, di nuove gioie e ricchezze, dei nostri ricordi divenuti in parte esperienze. Pensiamo spesso di essere figli della cultura, della conoscenza, delle tradizioni, della nostra stessa vita, in realtà siamo i genitori e dobbiamo educare, gestire, amare, donare al meglio queste nostre creazioni, questi valori che ci rendono umani, esseri che realizzano nel bene e nel male la propria storia con l’intelligenza donata da Dio. Cerchiamo di non amare ciò che brilla, ma amiamo ciò che illumina. Dio illumina, la natura illumina, l’universo illumina, la conoscenza illumina, anche l’uomo con profuse note del cuore può seminare musica d’incantesimi, illuminando il suo cammino

.

In Senza categoria

“Scusate sapite l’ammore ched’è?”

“Scusate, sapite l’ammore ched’è?”

“L’ammor’ è na cosa
c’addora di rosa,
ca rosa nunn’è.
Nduvina ched’è?”

E’ rosa?
E scusate, sapite pecché?”   

“E’ rosa o culore
che serve p’ammore.
L’ammore nun c’è
si rosa nunn’è.”

“L’addore che c’entra, si rosa nunn’è?”

“Pecché dinto maggio,
se piglia curaggio!
Sentenno l’addore
te nasce l’ammore”.

“A maggio sultanto?
E sapite pecché?”

“E’ maggio pè n’anno
pè chille c’o ssanno.
Pè chi nun vò bene
stu mese nun vene.”

“E senza l’addore,
l’ammore nun c’è?”

“Nun c’è !
Pecché ‘ammore
è forte dolore,
ca pare na cosa
c’addora di rosa”.

In Senza categoria

Profumo d’erba aleggia nella sottile nebbia dell’alba…

.
Immobile, il cuore ascolta l’arrivo di un mattino felice.
Musica dal cielo che piano sorride ai colori e il cuore
riprende la sua danza. Resine fragranti cadono dai pini
e dai cipressi mentre il pettirosso non visto canta tra i rami.
In quel giorno volano accumulati pensieri vincolati dall’Amore,
raccolti nell’infranta vastità dell’essere profondo..
Simonetta Bianchini Mayra


In arte e musica

vulesse truvà pace;

 ……

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte1 llà!”
… … …
Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia..
‘a ricett’ in farmacia…
l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.
… … …
Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.
… … …
Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?
Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ ‘a tanta porte
s’arapesse pè campà!
S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!

Eduardo de filippo

In arte e musica/ gusti e...

la tammuriata

In una più ampia classificazione dei balli etnici italiani, la tammuriata va inclusa nella famiglia della tarantella meridionale, di cui costituisce uno specifico e originale sottogruppo basato sul ritmo rigidamente binario, sulla partecipazione al ballo esclusivamente in coppia (mista e non), su un’intensa dinamica delle braccia, sull’uso di castagnette (nacchere) che, oltre a fornire il ritmo di base, obbliga ad una particolare cinetica di mani, braccia e busto.