“Scusate sapite l’ammore ched’è?”

“Scusate, sapite l’ammore ched’è?”

“L’ammor’ è na cosa
c’addora di rosa,
ca rosa nunn’è.
Nduvina ched’è?”

E’ rosa?
E scusate, sapite pecché?”   

“E’ rosa o culore
che serve p’ammore.
L’ammore nun c’è
si rosa nunn’è.”

“L’addore che c’entra, si rosa nunn’è?”

“Pecché dinto maggio,
se piglia curaggio!
Sentenno l’addore
te nasce l’ammore”.

“A maggio sultanto?
E sapite pecché?”

“E’ maggio pè n’anno
pè chille c’o ssanno.
Pè chi nun vò bene
stu mese nun vene.”

“E senza l’addore,
l’ammore nun c’è?”

“Nun c’è !
Pecché ‘ammore
è forte dolore,
ca pare na cosa
c’addora di rosa”.


Precedente A mamma Successivo Il tempo che si allontana...