vulesse truvà pace;

nel mio piccolo vorrei che ci  fossi  anche tu
come gabbiani che percorrono verso la luce
della loro stessa vita ..pace e serenita’ ……

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte1 llà!”
… … …
Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia..
‘a ricett’ in farmacia…
l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.
… … …
Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.
… … …
Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?
Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ ‘a tanta porte
s’arapesse pè campà!
S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!

Eduardo de filippo


Precedente la tammuriata Successivo Profumo d'erba aleggia nella sottile nebbia dell'alba...